“La vera amicizia resiste al tempo,

alla distanza, al silenzio”

Isabel Allende

Attraverso le comuni idee sulla promozione e la valorizzazione della lettura e del libro, la direttrice, bibliofila ed intellettuale della Società dei bibliofili cileni, Norma Alcamán Riffo ed il bibliotecario e bibliofilo Adelino Di Marino, si crea un importante, bella e storica collaborazione tra due grandi paesi, l’Italia ed il Cile.

Questo rapporto si svilupperà attraverso iniziative di studio e di ricerca per la realizzazione di pubblicazioni, articoli e cataloghi, nonché per la valorizzazione della cultura e l’analisi e la conoscenza dei maggiori personaggi ed artisti cileni.

Un’intesa che si allarga anche alla Biblioteca Suore Montevergine.

Si instaura dunque una storica collaborazione internazionale per la promozione del libro e della cultura anche per l’istituto benedettino sito in Mercogliano, provincia di Avellino.

La Società dei bibliofili cileni è stata fondata nel 1945 da un gruppo di avvocati ed intellettuali e sin dalla loro nascita numerose ed importanti sono state le iniziative per la ricerca e la conservazione dei testi antichi e di pregio, ma soprattutto per la salvaguardia delle opere cilene e della loro promozione e valorizzazione, un centro culturale di grande valore su tutto il territorio nazionale e che si sta facendo spazio presso molte altre realtà internazionali, il tutto diretto, con grande professionalità, inventiva ed estro da Norma Alcamán Riffo, persona di grande spessore, che è stata direttore del Dipartimento di Lettere e membro del Consiglio Accademico della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Adolfo Ibáñez, è stata anche il miglior insegnante eletto degli studenti del Bachelor in Studi Umanistici presso l’Università de los Andes, membro della Corporazione Patrimonio Culturale del Cile e dell’ Associazione dei Propietari Dimore Storiche Cilene, ha studiato italiano (raggiungendo il più alto livello della lingua conferitogli dalla società Dante Alighieri di Roma) e francese (ottenendo DELF 1 e DELF 2 concessi dal Ministero dell’Educazione Nazionale di Francia), nel tempo libero pratica nuoto e ama l’opera e viaggiare, infine importante un suo studio con ricerche e relativa pubblicazione delle opere complete di Luis Alberto Heiremans, scrittore e medico cileno che ha ricevuto il premio Santiago per la Letteratura nel 1953, questo è solo in parte il valore di una persona, quale Norma Alcamán Riffo, culturalmente eccelsa.

Tale collaborazione e amicizia si allarga anche alla casa editrice BookLife, che nasce dall’inventiva di Norma Alcamán Riffo e che oggi ne è la direttrice, un’azienda che comincia il suo lavoro nel 1995 e che si compone di vari professionisti del settore, alcuni dei quali formati con merito presso l’Università Adolfo Ibáñez.

La valorizzazione della cultura e della letteratura cilena sarà nel corso degli anni sviluppata e approfondita per far conoscere ancor più al mondo bibliofilo italiano e all’utenza della Biblioteca Suore Montevergine, la propria importanza e particolare bellezza.

Già nel corso del 2019 i giovani utenti della biblioteca si sono appassionati alle favole di Luis Sepulveda, conosciuto per la famosissima “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, e hanno approfondito la filosofia dello scrittore attraverso la lettura di tutte le sue opere, invece altri si sono appassionati ai romanzi della più famosa autrice internazionale Isabel Allende, ma le attività proposte per questa nuova collaborazione, si svilupperanno su tutta la storia cilena, passando per la conoscenza degli scritti del conquistador Pedro de Valdivia con le sue lettere a Carlo V o la storia della guerra di Arauco.

Importante è stato lo sviluppo e la crescita della poesia di questo affascinante paese sudamericano, che sarà studiata attraverso laboratori didattici dedicati ai più piccoli, poesia questa che ha caratterizzato tutto il mondo, soprattutto con figure come Gabriela Mistral e il più noto “italiano” Pablo Neruda, entrambi  Premi Nobel per la Letteratura, nel 1945 la prima, nel 1971 il secondo.

Dunque nasce un’amicizia e una collaborazione nuova ed unica al mondo, che potrà solo far bene alla cultura e alla formazione delle persone, un bene per tutti.

Di Marino Adelino

qui l’articolo della Società bibliofili cileni: http://bibliofilos.cl/Noticia/adelino-di-marino-rare-books-study-y-biblioteca-suore-montevergine-nuevas-instituciones-amigas/